Prestiti ai freelance? Ecco le soluzioni migliori

22.02.2017

Professionisti ed autonomi esclusi dal mondo dei prestiti

In genere questo è quello che si verifica in Italia. Sei autonomo, lavori come grafico pubblicitario, fai il blogger? Allora niente prestito!

Non è sempre così

Secondo l'ISTAT in Italia le persone che hanno un lavoro "autonomo" sono più di 5 milioni.

Nel 2016 grazie al DL sul Lavoro autonomo e Smart working, una serie di provvedimenti sono stati voluti per tutelare questa categoria così bistrattata.

Di contro, molte banche e finanziarie si sono dovute adeguare a questi nuovi trend occupazionali, favorendo l'erogazione di prestiti a queste categorie di lavoratori.

Il prestito per gli autonomi. Le differenze

Innanzitutto bisogna dire che per ottenere un prestito se si è un libero professionista occorre dimostrare la propria affidabilità creditizia.

Che si intende per affidabilità creditizia?

Di solito viene richiesto il modello Unico che può accertare i redditi dichiarati, ma in altri casi, se non ritenuto sufficiente, potrebbe essere richiesta una garanzia patrimoniale, come un immobile, un'entrata o una rendita.

Chi eroga prestiti ai freelance?

Provando a fare una simulazione di 12mila euro da restituire in 5 anni ecco i nostri risultati migliori

UNICREDIT > 

YOUNITED CREDIT >

COMPASS >


di Loredana Maggio