Carta Viabuy è davvero conveniente?

13.12.2017

Le carte di credito sono tutte uguali!

Niente di più falso!
Servono tutte allo stesso scopo (pagare), ma hanno tutte caratteristiche diverse e - qualche volta - significative.

Viabuy è una carta di credito che di recente ha cominciato a diffondersi anche in Italia: è una delle tante o ha proprie peculiarità? 


Prima di rispondere è corretto fare un riepilogo dell'attuale panorama in questo particolare settore del credito in modo di confrontarla con le altre e capire perché sceglierla.

Chi avesse già conoscenza degli argomenti trattati nei prossimi due paragrafi, evidenziati in corsivo, può procedere

Due categorie: carte di credito e carte di debito.

Queste ultime più propriamente denominate "bancomat" utilizzano soldi che già abbiamo depositato nel nostro conto corrente: la banca non ci "presta " nulla, si limitata ad addebitare sul nostro conto quanto speso, qualche volta con una commissione, nello stesso giorno dell'operazione.


Se non ci sono fondi dai quali prelevare l'importo l'operazione non viene autorizzata.
Qualche volta non viene autorizzata nemmeno in presenza di disponibilità se nella giornata (o nella settimana, o nel mese) abbiamo già superato l'importo concordato... (per il cash normalmente 250 o 500 euro al giorno).
Qualche Istituto consente di prelevare anche importi notevolmente superiori, ma programmandolo attraverso una richiesta fatta online o telefonicamente.

Da quando i bancomat sono muniti di chip al circuito nazionale viene abbinato il circuito internazionale VPay che consente l'utilizzo del Bancomat anche a livello europeo.
(NDR: non tutti sanno che, in caso di superamento dell'abituale disponibilità giornaliera o settimanale sul proprio bancamat, si può comunque procedere all'operazione rifiutata inserendo la scelta Vpay quando viene richiesto a quale circuito fare riferimento)
Vediamo ora le carte di credito propriamente dette.

Le carte di credito classiche e quelle prepagate.

La differenza tra i due tipi è semplice: le prime possono utilizzare fino all'importo per il quale è stato affidato il titolare (può essere anche senza limite), le seconde pongono il il limite all'importo precaricato (praticamente è un autofinanziamento... che però offre la comodità di girare senza contanti).
Entrambe vengono emesse da istituti di credito e da questi assegnate ai titolari di un loro conto corrente.

Sono poi abbinate a uno dei diversi Circuiti Internazionali (i principali sono VISA, MasterCard, Diners, American Express) che sono accreditati presso Banche, Istituti ed esercizi commerciali di tutto il mondo che consentono di fare acquisti immediati senza uso di contanti, gestendone le transazioni e trattenendosi una commissione.

Rispetto alle altre la carta prepagata Viabuy non è una carta di credito abbinata ad un conto corrente, viceversa è un conto corrente abbinato ad una carta di credito. 

Quali le novità di Viabuy?

Rispetto alle altre la carta prepagata Viabuy non è una carta di credito abbinata ad un conto corrente, viceversa è un conto corrente abbinato ad una carta di credito. 

Di più: è le due cose insieme!

Con costi assolutamente competitivi rispetto al singolo costo di un conto corrente ed anche di una singola carta di credito avete la possibilità di fare tutte le operazioni consentite dal circuito MasterCard (il più diffuso e completo), e in più fare tutte le operazioni bancarie consentite ai correntisti, spesso addirittura in maniera gratuita (in particolare bonifici e ricariche)!

non è una carta di credito abbinata ad un conto corrente, viceversa è un conto corrente abbinato ad una carta di credito. 

Si parte con una commissione di ingresso "una tantum" (rimborsabile in caso di recesso entro tre settimane) attualmente fissata in 69,90 euro.
Valuta e disponibilità delle cifre depositate con bonifico nazionale e SEPA sono immediati.
Gratuiti anche i pagamenti e i trasferimenti di importi ad altre carte di credito.
Utilizzando il codice IBAN abbinato è possibile ricaricare il conto e la carta con versamenti in contanti da qualsiasi sportello bancario.

Con Viabuy più usi il conto meno paghi! 

Paghi invece se non usi per un certo periodo il servizio: il canone mensile di 9,95 euro ti viene infatti addebitato solo dopo 12 mesi di inattività totale.
A questa "carta/conto" particolare possono fare riferimento tre altre carte di credito.

Ma ancora non sono finiti i vantaggi

Le procedure per ottenerla sono semplici e informali (non c'è controllo sul reddito e non si deve dimostrare la propria solidità finanziaria).
Sono anche veloci: sul loro sito promettono attivazione e consegna entro le 24 ore.
I controlli di sicurezza per evitare usi truffaldini avvengono tramite invio di SMS e di mail.

Ovviamente si può far conto su un servizio di assistenza: è gratuito via e-mail, si può ottenere anche attraverso Facebook, si paga via telefono (attenzione la chiamata è verso l'Inghilterra).

Un ulteriore vantaggio rispetto alle normali prepagate, che non vengono accettate dalle organizzazioni di noleggio auto: se i fondi depositati coprono la franchigia normalmente richiesta dall'assicurazione vengono accettate senza discussioni, anche se è consigliabile informarsi in precedenza.
Non c'è il rinnovo automatico, anzi si può recedere in ogni momento; e anche il rinnovo con sostituzione della carta che è prevista una volta ogni tre anni è senza costi.
Anche le aziende la possono sottoscrivere (ovviamente possono sottoscriverne più di una, per i loro dipendenti).

non è una carta di credito abbinata ad un conto corrente, viceversa è un conto corrente abbinato ad una carta di credito. 

Un'ultima curiosità: chi c'è dietro questa carta?

non è una carta di credito abbinata ad un conto corrente, viceversa è un conto corrente abbinato ad una carta di credito. 

Siamo in presenza di un Ente affidabile?
Il fatto che abbia una convenzione con il colosso Mastercard dovrebbe essere sufficiente a tranquillizzare anche i più prudenti.
La società si chiama PPRO Limited ed è ubicata nel Regno Unito, risponde quindi alla legislazione Inglese (ricordiamo che l'Inghilterra è recentemente uscita dall'Unione Europea, ma resta sempre la patria della Finanza Mondiale).

di Luigi Porcelli